Un appuntamento da non perdere, per chi ama il running e l’avventura: il 10 e 11 settembre 2021 torna la “Resia Rosolina Relay – Along Adige River”, evento unico nel panorama delle manifestazioni legate alla corsa in Italia, che mette in cartellone la seconda edizione.

Organizzata da ASD VRM TEAM in collaborazione con ASV Rennerclub Vinschgau, ASD Polisportiva Adige, RUN IT Rovigo, con il supporto del Comune di Curon Venosta – Passo di Resia e della Città di Rosolina Mare, la Resia Rosolina Relay è una lunga corsa a staffetta di 433 chilometri in 40 tappe , che unisce il fascino di un ambiente e di un percorso suggestivi all’epica del viaggio a piedi giorno e notte attraverso due regioni e cinque province italiane, dalle sorgenti dell’Adige fino al mare Adriatico, seguendo il corso del grande fiume. Sono ammesse squadre composte da 10 runners, ognuno dei quali coprirà nel corso della gara quattro volte la distanza di circa 10 chilometri. Dopo ogni frazione percorsa e prima di affrontarne un’altra, ogni atleta potrà recuperare vedendo cimentarsi uno dopo l’altro i nove compagni di squadra.

L’IDEA – Gli organizzatori hanno guardato lontano, ispirandosi per la loro creatura alla “Hood to Coast Relay”, che ogni anno si svolge a fine agosto in Oregon: 320 chilometri, dai 1817 metri sul livello del mare del Timberline Lodge, sul Monte Hood, la cima più alta dello stato, attraverso l’area metropolitana di Portland e fino a Seaside, città sulla costa dell’oceano Pacifico. Trasferita in Italia, l’idea è diventata una lunga corsa a staffetta lungo il corso dell’Adige, il secondo fiume d’Italia per lunghezza. Partenza da Resia, in Val Venosta, alla sorgente del fiume, e arrivo alla foce, a Rosolina. Attraversando due regioni, Trentino-Alto Adige e Veneto, e cinque province: Bolzano, Trento, Verona, Venezia e Rovigo.

IL PERCORSO – Quasi tutta la corsa si sviluppa su piste ciclabili (il 95% del percorso totale). In tutto si corre per 433,4 chilometri. Da Resia, a quota 1546 metri, attraverso la Val Venosta si transita da Prato allo Stelvio, Silandro, Egna, Salorno nel territorio della provincia di Bolzano, per poi arrivare a Trento e scendere a Rovereto ed Avio, fino a entrare nella provincia veronese alla Chiusa di Ceraino. Dopo Verona, Zevio e Ronco all’Adige, la corsa entra in provincia di Rovigo a Badia Polesine, e dopo Boara Pisani sconfina nella città metropolitana di Venezia a Cavarzere e Boscochiaro, prima di rientrare nel rodigino e viaggiare verso il traguardo di Rosolina.

La partenza dei primi è prevista per le 4 del mattino di venerdì 10 settembre, in previsione dell’arrivo dell’ultima squadra in gara entro le 23 di sabato 11.

SPIRITO DI GRUPPO – Non è necessario essere maratoneti, o long-distance runners, per partecipare alla RRR. Un corridore mediamente preparato è in grado di coprire la distanza di 10 chilometri anche quattro volte, con un lungo tempo di recupero tra una prova e l’altra. Lo spirito di squadra è il vero leit-motiv della kermesse: l’attesa della fine della prova di un compagno, la condivisione degli sforzi per un obiettivo comune sono il senso di una manifestazione che esalta concetti come solidarietà e unione di intenti.

COSI’ NEL 2020 – La prima edizione della RRR si è svolta l’1 e 2 ottobre 2020, in quello che si è rivelato un periodo di relativa “tregua” dalla pandemia che ancora oggi scuote la nostra esistenza con una terza, pesantissima ondata. Naturalmente sono state messe in atto tutte le precauzioni necessarie, nel rispetto delle norme anti-Covid 19. Avere già in calendario la seconda edizione è un segnale di speranza di futuro, e l’assicurazione da parte degli organizzatori che tutto si svolgerà rispettando le regole con le quali ci troveremo a convivere nel settembre 2021.
Un anno fa, dunque, il successo è andato al Degani Tri.Team guidato da capitan Alessandro De Gasperi, in 28:46:26, davanti agli Iron Bulls (32:35:55) e al primo team “misto”, il Vicenza Marathon (32:45:30). A chiudere la prova il HAPPY RUN, in 46:16:50. 

Sezione: Primo Piano / Data: Gio 25 marzo 2021 alle 08:37
Autore: Redazione Tuttorunning
Vedi letture
Print