Spesso può essere difficile simulare la fatica che si proverà alla fine di una mezza maratona durante l'allenamento, ma esercitarsi a superare la fatica della fine della gara è ciò che vi porterà al traguardo con un nuovo record personale. Questo allenamento di velocità “multistrato” vi preparerà proprio a questo, in modo che possiate correre la vostra migliore mezza maratona.

L'idea alla base di questo allenamento è che si chiede al corpo di correre a un ritmo sostenuto dopo aver già accumulato fatica, che è esattamente ciò che si deve fare alla fine della mezza maratona. È molto importante tenere un ritmo corretto nella prima parte dell'allenamento, altrimenti si rischia di non riuscire a mantenere il ritmo alla fine (un problema che si presenta spesso ai corridori alle prime armi con la mezza maratona e che partono troppo forte).

La prima parte dell'allenamento dovrebbe essere abbastanza dura. Ci si muove ancora a un buon ritmo, ma alla fine dell'intervallo si dovrebbe avere la sensazione di poter continuare. Negli intervalli di cinque minuti si può accelerare un po', fino a raggiungere un ritmo di circa 10 km. Infine, l'ultima sezione sarà dura, ma l'obiettivo è correre a ritmo di mezza maratona (o un po' più veloce) per simulare la fine della gara.

L'allenamento

Riscaldamento: 15-20 minuti di riscaldamento, seguiti da esercitazioni sulla forma e da esercizi di corsa.

Allenamento: 3 km a ritmo di mezza maratona/3 minuti di riposo/3 x 5 minuti a ritmo di 10K con 2 minuti di riposo tra l'uno e l'altro/3 minuti di riposo/3 km a ritmo di mezza maratona

Riposo: 10-15 minuti seguiti da un leggero stretching

Sezione: Editoriale / Data: Mer 07 settembre 2022 alle 08:40
Autore: Redazione Tuttorunning
vedi letture
Print