Il Chianti Ultra Trail chiude la 3^ edizione con successo: 1.000 atleti alla partenza e tanta voglia di tornare a correre. È Luca Manfredi Negri ad aggiudicarsi la lunga distanza con un tempo record, primo italiano a salire sul gradino più alto del podio. Tra le donne si riconferma la campionessa Giulia Vinco. 

Si è chiusa sabato la terza edizione del Chianti Ultra Trail con un successo insperato, dopo lo slittamento a causa del Covid che ha visto lo spostamento della gara dal 20 marzo al 15 maggio. Ma erano comunque 1.000 gli atleti pronti al via ieri mattina, iscrizioni sold out già ad un mese dalla chiusura, e tanti i partecipanti arrivati da tutta Europa per correre sulle famose strade bianche del Chianti Storico, tra i vigneti e borghi medievali di quest’angolo di Toscana famoso nel mondo. 

Giulia Vinco e Luca Manfredi Negri portano il tricolore sul gradino più alto del podio della 73km, la lunga distanza. Per l’ultrarunner veronese è una riconferma al femminile, mentre per la prima volta un italiano conquista la vittoria con un tempo record di 6h21'30". 

È l’alba a Radda in Chianti quando gli ultrarunner si schierano per la partenza contingentata della gara più lunga. Dopo la pioggia di venerdì, sul Chianti splende il sole, ma le temperature restano proibitive fino a metà gara. I vincitori della 73km prendono subito sulla testa della gara e non la molleranno fino al traguardo. Appena un’ora dopo partono anche i partecipanti della media distanza e a seguire le altre da gare da 20km e la 15km. Davanti i ritmi sono altissimi, con i primi di ogni categoria che fanno segnare tempi velocissimi già al primo ristoro di Villa Vistarenni. Qualche salita e un po’ di fango dovuto alle piogge fitte della notte rallentano e affaticano un po’ tutti gli atleti ma al traguardo Luca Manfredi Negri fa segnare il nuovo record di gara con 6h20’30’’. Dietro di lui Fabio Di Giacomo e il francese Samir Tazi. Ottimo anche il tempo di Giulia Vinco, 1^ tra le donne, già vincitrice nell’ultima edizione del 2019. Sul podio con lei Roberta Sala, che guadagna il 2° posto e Maura Tasin.

Nella 42km femminile vince l’atleta élite spagnola Angels LLobera, facendo registrare un ottimo tempo (4h01’27’’), davanti a Giulia Petreni e Gessica Malatesta, mentre tra gli uomini al traguardo sono 6 i minuti che separano Patrizio Curti, 1° all’arrivo, e Matteo Rigamonti. Al 3° posto Domenico Giovanni Nocera.

C’è battaglia nella Chianti Short Trail da 20km maschile con il 1° posto e tempo record di Luca Rosi che chiude in 1h06'40", davanti allo sfortunato atleta toscano Aldo Riccieri, penalizzato da un errore nel percorso. Sul gradino più basso del podio Giacomo Dei.

Tra le donne, vittoria di Martina Brustolon davanti a Sara Emily Bulukin e Jacopa Fragapane.

A chiudere sono Michele Meridio e la giovane Giulia Zaltron ad aggiudicarsi il Chianti Trail, la distanza più breve da 15km.

Ma è stata soprattutto una grande festa per i 1.000 atleti partecipanti, per i tanti accompagnatori e per il pubblico che ha atteso i passaggi nei punti ristoro lungo il percorso. E c’è grandissima soddisfazione da parte degli organizzatori che, dopo lo spostamento della gara, prevista a marzo, non si sono arresi ma hanno utilizzato il tempo a disposizione per dare vita ad una gara perfetta in ogni suo aspetto, in una delle location più belle delle competizioni endurance in Italia.

Sezione: Primo Piano / Data: Sab 22 maggio 2021 alle 18:43
Autore: Redazione Tuttorunning
Vedi letture
Print