Dal 10 al 17 ottobre c'è Discovery Pantelleria, la Perla Nera del Mediterraneo scelta da Verona Marathon Explore in collaborazione con Welcome Travel come evento fuori porta. Un viaggio per conoscere la natura, le tradizioni, la cultura eno-gastronomica e per esplorare i sentieri di questa magnifica isola nel cuore del Mediterraneo. Il format non è nuovo e sta prendendo piede sempre di più, grazie alla trasversalità di intenti e alla capacità inclusiva di podisti veri, amanti della natura, viaggiatori alla ricerca di nuove avventure, esploratori e podisti che vogliono mettersi alla prova.

Lo scorso anno a dicembre Verona Marathon Explore era volata a Zanzibar, una esperienza di grande successo come testimoniano il calore e l’entusiasmo con cui ne hanno raccontato non solo i partecipanti ma anche lo staff del posto, ben lieto di accogliere una tipologia di turisti desiderosi di immergersi nel contesto locale. Una vacanza singolare, fatta di viaggio, conoscenza di un territorio, escursioni turistiche, cultura locale e corsa, l’ideale per chi voglia approfittare della passione podistica come scusa per soddisfare la voglia di esplorare il mondo.

A causa della pandemia da COVID19, quest’anno ci si fermerà nei confini italiani, sebbene all’estremo sud. “Non è un addio a Zanzibar ma solo una nuova destinazione – ha spiegato Nicola Dal Grande, General Manager di Verona Marathon Explore – a cui speriamo di aggiungerne tante altre e che ci auguriamo possa far felici i partecipanti come nella edizione zero di Zanzibar.”

L’IDEA – Nata in seguito all’entusiasmo che un gruppo di amici, che vi ha risieduto, ha manifestato nella descrizione dell’isola, Discovery Pantelleria vuole raccontare le bellezze dell’isola nel pieno rispetto della natura – “Abbiamo contattato un referente locale che ci ha aiutati ad individuare i percorsi giusti, in termini di sicurezza, rispetto dell’ambiente, fattibilità e spettacolarità”, ha detto Nicola Dal Grande – “il tutto tenendo conto che i partecipanti sono anche dei podisti, ma soprattutto persone alla ricerca di nuove avventure e di un tuffo nelle tradizioni locali”.

IL PROGRAMMA – Dal 10 al 17 ottobre sono previsti sette giorni intensi e ricchi di attività, dalla esplorazione del territorio alle degustazioni presso cantine storiche, alle gite in barca e le attività di benessere, dove il podismo sarà inquadrato in un contesto ludico e culminerà nella partecipazione alla manifestazione “La classica di San Fortunato” (Km 5-16-40), “In un momento storico in cui fare gruppo è impossibile per ragioni legate alla sicurezza sanitaria, poter stabilire un contatto con persone che condividono la passione per questo modo di viaggiare ha sicuramente un effetto positivo” – ha commentato Nicola, “ciò che ci ha più soddisfatti è che nella precedente esperienza abbiamo avuto modo di osservare che si creano dei legami all’interno del gruppo, cosa che ha spinto alcuni dei partecipanti di Zanzibar a mantenersi in contatto tra di loro e con noi e ad essere i primi ad iscriversi per questa nuova avventura”, ha aggiunto.

SICUREZZA – Alla base dell’intera esperienza sono previsti il rispetto delle normative FIDAL e del decreto governativo in termini di sicurezza per la prevenzione della diffusione del COVID19 – “Tutto questo sarà di semplice attuazione grazie al fatto che si tratta di un piccolo gruppo, massimo 35 persone, al quale ricorderemo di indossare i dispositivi di protezione individuale e rispettare le regole di distanziamento” – ha detto Nicola.

Sezione: News / Data: Ven 02 ottobre 2020 alle 13:06
Autore: Redazione Tuttorunning
Vedi letture
Print