La scelta delle scarpe da running non dovrebbe essere casuale: ogni scarpa è progettata per uno scopo specifico. Facciamo chiarezza. Oggi parliamo delle scelte intelligenti che dovremmo fare quando si tratta di scarpe da corsa, concentrandoci sulla performance. Lo faremo ponendoci 4 domande fondamentali:

Quante paia di scarpe dovremmo avere nel nostro armadio durante la nostra preparazione?

Quali soluzioni ci offre la tecnologia e il mercato delle calzature da running?

Come scegliere le scarpe giuste per noi?

Quando usarle in base alla loro funzione?

L’importanza delle scarpe da running

Le scarpe da corsa sono uno strumento essenziale per i runner, e dobbiamo imparare a conoscerle e distinguerle per fare scelte intelligenti. La scelta delle scarpe dovrebbe essere guidata da 3 fattori principali:

1. tipologia di runner: prima di tutto dobbiamo considerare che tipi di runner siamo. Ognuno di noi ha caratteristiche antropometriche e fisiologiche diverse che influenzano la scelta delle scarpe

2. obiettivo di allenamento: se stiamo preparando una gara di 10 km, le scarpe adatte saranno diverse da quelle per una maratona

3. tipo di allenamento: infine la scelta delle scarpe dipende dal tipo di allenamento che stiamo facendo. Ogni tipo di training richiede scarpe diverse

Fondo lungo: le scarpe giuste

Per costruire una buona base aerobica, è fondamentale allenarsi a ritmi blandi. In questo caso, abbiamo bisogno di scarpe che offrano protezione, in quanto i ritmi lenti comportano un maggiore impatto del piede a terra. Le scarpe adatte per questa tipologia di allenamento devono offrire:

protezione: offrire una buona ammortizzazione per ridurre l’impatto sul piede e sulle articolazioni

drop adeguato: un differenziale tra tallone e avampiede aiuta a evitare un eccessivo allungamento del tendine d’Achille

tomaia ben strutturata: una tomaia confortevole e stabile è essenziale per garantire una buona calzata. Di solito conchiglia e linguetta sono molto confortevoli

Due scarpe ideali per questo tipo di allenamento sono adidas Adizero SL e adidas Ultraboost Light.

Progressioni di ritmo: cambiamo la scarpa

Se il nostro obiettivo è migliorare la performance, gli allenamenti progressivi e le variazioni sono il mezzo che abbiamo a disposizione. Ma questi tipi di allenamenti necessitano di scarpe da corsa diverse, che diano spinta e reattività al piede a terra.
Le scarpe adatte per le progressioni di ritmo dovrebbero offrire:

reattività sull’avampiede, per spingere in modo più efficiente

sensazioni di spinta durante l’accelerazione

tecnologie specifiche e innovative nell’intersuola, per una migliore risposta del piede a terra

Una scarpa ideale per questa tipologia di allenamento sono le adidas Adizero Boston 12, che è protettiva a ritmi blandi e reattiva nei progressivi. Questa scarpa è progettata con tecnologie avanzate nell’intersuola, l’Energyroads 2.0 in fibra di vetro, che consente alle scarpe di assecondare il movimento naturale dei piedi e restituire energia durante la corsa.

Gare e performance estreme

Per gare di alto livello o performance estreme e per imparare, quindi, a performare bisogna rinunciare alla protezione e avere una scarpa progettata solo con l’obiettivo di darci la massima spinta possibile. Queste scarpe sono adatte per gare veloci (dai 5 ai 10 km) e per alcuni allenamenti appositi. Tuttavia dovrebbero essere utilizzate con cautela e preparazione adeguata poiché mettono alla prova muscoli e articolazioni. Insomma, bisogna essere molto allenati e conoscersi bene per poter usare nel modo giusto queste ‘Ferrari per i piedi’.

Una scarpa perfetta per una 5k o 10k veloce è la adidas Adizero Takumi 9. 
Per correre mezze maratone e maratone veloci è ideale invece l’adidas Adios Pro 3.

Conclusioni

Ricordiamoci che, indipendentemente dal tipo di scarpa che scegliamo, è importante testarla prima di una gara per abituarci alle sensazioni. Non c’è una scarpa universale che funzioni per tutti, quindi è meglio prendersi il tempo per trovare quella che si adatta meglio al nostro stile di corsa e ai nostri obiettivi.

Sezione: Editoriale / Data: Gio 30 maggio 2024 alle 06:50 / Fonte: Micol Ramundo - Enduchannel
Autore: Redazione Tuttorunning
vedi letture
Print